Autore: Fabrizio Bocci

INTRODUZIONE

La quinta edizione della conferenza internazionale PMA 2006 “Performance Measurement and Management: Public and Private”, tenutasi a Londra dal 25 al 28 luglio, è stata particolarmente ricca di idee e contenuti. I lavori presentati hanno spaziato dai concetti teorici ai casi pratici, dai modelli per le simulazioni alle ricerche sul campo per arricchire con nuove informazioni e nuovi spunti l’evoluzione dei sistemi di misurazione e gestione della performance. L’animo della conferenza è proprio quello di costituire un luogo di incontro, di confronto e di arricchimento reciproco tra mondo accademico e mondo professionale. Nella sezione “PMA2006 in cifre” i numeri dell’edizione di quest’anno.

I TEMI PRINCIPALI

Uno dei grandi temi su cui si è concentrato il dibattito quest’anno è quello dell’impatto che i sistemi di misurazione della performance hanno sulla performance di un’organizzazione: in pratica come misurare o valutare il sistema di misura. E’ un tema sul quale i pareri sono discordanti ed anche le ricerche sul campo mostrano evidenze non facili da interpretare. Di fatto un sistema di misurazione della performance è solo uno dei fattori (interni ed esterni) che contribuiscono a determinare la performance di un’organizzazione ed è molto difficile isolarne l’influenza da quella degli altri fattori. L’impressione che ho ricevuto è che chi si occupa di ricercare correlazioni ed evidenze sul campo abbia ancora molta difficoltà ad ottenere dati di lettura univoca. Conclusioni riguardanti casi di successo, come casi negativi, non possono essere generalizzate essendo troppe le variabili in gioco. Ciascun caso va analizzato ed interpretato per quello che è: gli insegnamenti che ne traiamo debbono comunque essere opportunamente filtrati se vogliamo applicarli ad una nuova realtà.

La Balanced Scorecard si conferma come il framework più utilizzato, anche se non c’è comunanza di vedute su cosa debba effettivamente intendersi per Balanced Scorecard. Di più il dibattito tra chi è scettico e chi è convinto della validità dello strumento è sempre molto acceso. Ma è proprio questa molteplicità di punti di vista che permette allo strumento di evolversi. L’ostinazione con cui i detrattori mettono in evidenza i limiti è la stessa che spinge i sostenitori a migliorare lo strumento per superarli. Di fatto la Balanced Scorecard attuale si è notevolmente evoluta rispetto a quella teorizzata originariamente da Kaplan e Norton nel 1992 e questo è anche merito di tutti quelli che hanno contribuito a tenere vivo il dibattito intorno a questo strumento.

Un altro tema molto sentito è stato quello delle metriche da utilizzare: l’individuazione degli indicatori più opportuni per misurare una dimensione della performance e le modalità con cui effettuare la misura. Nella pratica non è facile misurare tutto quello che si vorrebbe misurare: alcune volte non si sa cosa misurare, altre come misurarlo. Alcuni dei paper presentati hanno fornito utili indicazioni per risolvere casi specifici.

Anche gli intangibili ed il capitale intellettuale sono stati un argomento che ha suscitato molto interesse. I contributi dei relatori che hanno sviluppato paper su questo tema si sono concentrati sulla misurazione del capitale intellettuale di un’organizzazione e sul collegamento tra beni intangibili e risultati tangibili.

Grande spazio è stato dedicato alla misurazione ed alla gestione della performance nella Pubblica Amministrazione e nella Sanità. Mentre per le organizzazioni profit-driven gli strumenti e le architetture sono consolidate, per quanto riguarda il Pubblico, c’è ancora spazio per affinare sia gli uni che le altre. La riflessione sui legami tra i concetti di performance ed accountability (soprattutto social accountability), mission e mandato, politica ed amministrazione, può portare ad evoluzioni verso nuovi framework più aderenti alla realtà delle organizzazioni pubbliche. Personalmente ho trovato estremamente interessanti i colloqui avuti con alcuni colleghi inglesi sull’argomento, sia per l’affinità di idee sia per la comune volontà di elaborare strumenti più adeguati alla realtà delle organizzazioni mission-oriented.

Quest’anno è stato particolarmente significativo il contributo italiano con 12 paper presentati. Segno che anche nel nostro paese una sensibilità crescente ai temi della gestione della performance. Nella sezione “I paper italiani” l’elenco dei paper presentati dai relatori italiani.

Gli abstract brevi di tutti i paper presentati sono stati raccolti in un documento in formato PDF scaricabile gratuitamente. I paper completi sono stati raccolti in un libro che può essere ordinato on-line. Per i dettagli consultare la sezione Abstracts & Proceedings

CONCLUSIONI

La conferenza ha offerto l’opportunità a tutti i partecipanti di confrontarsi non solo sui temi più caldi relativi alla misurazione ed alla gestione della performance, ma anche su una serie di temi complementari, innovativi, sui quali la riflessione è appena iniziata. L’ampio respiro internazionale dell’evento ha permesso di mettere a confronto esperienze di paesi diversi con una diversa cultura manageriale ed un diverso approccio alla misurazione della performance. PMA 2006 si è confermata come uno degli eventi più significativi a livello mondiale sulla misurazione e gestione della performance: per la qualità dei lavori presentati, la varietà degli argomenti trattati, la folta rappresentanza internazionale, l’equilibrio tra teoria, ricerca e pratica. L’arrivederci è alla prossima edizione nel 2008.

Torna all’inizio

PMA 2006 IN CIFRE

  • Più di 250 delegati provenienti da 43 nazioni
  • 148 paper presentati (105 di taglio accademico e 43 relativi alla pratica)
  • 12 paper presentati dai delegati italiani
  • 3 “keynote speakers” d’eccezione: Professor Rajiv Bunker della Fox School of Business, Greg Hackett fondatore dell’Hackett Group, Paule Boyle del Financial Reporting Council
  • 6 sessioni parallele ogni giorno su argomenti diversi
  • 4 “panel sessions”
    • Measuring Research Performance
    • Impact of Performance Measurement Systems
    • The Pratical Challenges of Performance Measurement: Exploring the Research Agenda
    • Using Strategic Performance Measurement Systems for Reward Purposes

torna

I PAPER ITALIANI

Di seguito i titoli dei paper presentati dai relatori italiani con il numero assegnato nel documento PDF che raccoglie gli abstract brevi e la pagina dove si trovano

The Development of Advanced Management Accounting Techniques in Italian Manufactoring Firms: an Empirical Investigation di A. Abdel-Maksoud, F. Cerbioni, A. Menini, F. Riccieri Accademico N° 682 pag. 27

The Measurement of the Degree of Corporate Social Responsibility of a Firm di I. Bisacco, C. Spinelli, P. Maccarrone Accademico N° 716 pag. 34

Mission-Oriented Scorecard: a Framework for Public Sector and Not-For-Profit Organizations. The case of Local Health Authority of Modena di F. Bocci, E. Luppi, G. Neri Accademico N° 627 pag. 14

Selecting and Prioritizing Key Performance Indicators by Using the Analytic Network Process di D. Carlucci, R. Anzalone, G. Schiuma Accademico N° 628 pag. 15

Balanced Scorecards Within Italian and Australian Local Public sector Contexts di F. Farneti, J. Guthrie Accademico N° 681 pag. 26

A Simulation Model for the New Product Development Process di A.C. Garavelli, Fulvio Iavernaro, B. Scozzi Accademico N° 720 pag. 35

Organizational Capability for Getting Over the “Edge of Chaos”: Performance Management System as a Driving-force in SMEs di P. Garengo, G. Bernardi Accademico N° 623 pag. 13

Intellectual Capital Benchmarking: an Application to the Italian Regions di A. Lerro, D. Carlucci, G. Schiuma, R. Tolve Accademico N° 593 pag. 8

The Role of Performance Measurement in English Local Public Sector Organizations di P.Micheli, M. Kennerley, A. Neely Accademico N° 663 pag. 22

Performance Measurement Within a Highly Diversified Group of Companies di P. Micheli, M. Agliati Accademico N° 664 pag. 22

Managing the Performance Locally. The Balanced Scorecard of Sew Eurodrive Italia, a Subsidiary of a Multinational Company di F. Bocci, M. Mojoli Pratico N° 673 pag. 25

The Effects of Performance Measurement in New Product Development Projects di V. Chiesa, F. Frattini, V. Lazzarotti, R. Manzini Pratico N° 704 pag. 31

torna

ABSTRACTS & PROCEEDINGS

Il documento che raccoglie tutti gli abstract brevi dei paper presentati alla conferenza è scaricabile in formato PDF (circa 280KB in inglese): PMA 2006 Abstracts Summary

Tutti i lavori presentati alla conferenza, sono stati raccolti nel libro:

Performance Measurement and Management Public and Private 25-28 July 2006 London UK