Titolo completo: Balanced Scorecard per le PMI. Gestire le prestazioni critiche.
Autori: Stefano Biazzo e Partizia Garengo
Edizione: McGraw-Hill
Anno: 2010

“Balanced Scorecard per le PMI” è un libro estremamente interessante poiché sviluppa analisi e propone soluzioni relativamente alla problematica della misurazione e gestione della performance in realtà aziendali medio piccole. Le piccole e medie imprese (PMI) necessitano di approcci differenti rispetto alle grandi imprese, approcci che tengano conto delle loro caratteristiche peculiari per quanto riguarda la misurazione e gestione della performance. Caratteristiche efficacemente evidenziate dagli autori: difficoltà di coinvolgimento in progetti di misurazione della performance, carenza di metodologie specifiche per le PMI, mancanza di una visione olistica, mancanza di competenze strumenti informatici da dedicare alla misurazione della performance, prevalenza di un sapere tacito. Ciò non toglie che sia possibile, anzi auspicabile, per queste realtà, l’utilizzo di modelli come la Balanced Scorecard. L’importante è cogliere come adattarli in maniera convincente a queste realtà. Biazzo e Garengo ci offrono, a questo proposito, un approccio innovativo all’introduzione della BSC nelle PMI, maturato attraverso significativi percorsi esperienziali condotti con alcune aziende venete. Da notare che il libro, uscito prima in Italia, è stato poi tradotto in inglese con una prefazione di Kaplan. Segno di un apprezzamento internazionale sia degli autori sia dei contenuti proposti.

Il libro si struttura in due parti distinte per un totale di 137 pagine complessive, inclusa l’ampia bibliografia.

Nella prima parte, composta da quattro capitoli, sono sviluppati i concetti teorici ed approfonditi gli strumenti per realizzare un sistema di gestione strategica della performance nelle PMI utilizzando la Balanced Scorecard.

Nel primo capitolo “Misurare le prestazioni aziendali. Il modello della Balanced Scorecard” gli autori enfatizzano l’importanza di realizzare un “cruscotto per governare” l’impresa, strategicamente allineato ed operativamente bilanciato. Se l’impresa necessita di un sistema di misurazione della performance per essere governata, questo sistema non può ridursi ad una mera e disarticolata collezione di indicatori e dati, come avviene in varie realtà, ma deve essere costruito tenendo conto di fattori critici strategicamente rilevanti per l’azienda e di una visone olistica dell’organizzazione. Lo strumento più adatto per rispondere a tali esigenze, respiro strategico e visione integrata, è la Balanced Scorecard.

Il secondo capitolo “La Balanced Scorecard per le PMI. Un approccio circolare” è dedicato all’approccio consigliato per implementare la Balanced Scorecard nelle PMI. Gli autori privilegiano un approccio circolare rispetto a quello top-down tradizionale. Questo approccio circolare si articola in quattro fasi che se attuate permettono di svelare ciò che è correntemente sotto controllo per poi progettare il sistema di misurazione e gestione della perfomance.

Il terzo capitolo “Strategia d’impresa e Balanced Scorecard” mette in evidenza il legame fondamentale ed ineludibile che deve esistere tra la strategia dell’impresa ed il sistema di gestione della performance aziendale. Qui gli autori illustrano i processi di formazione, gestione e revisione della strategia di impresa, basandosi soprattutto sul modello a quattro “motori” di Coda e Mollona, e come la BSC possa proporsi come un significativo strumento a supporto di tali attività.

Nel quarto capitolo “Modelli per la misurazione delle prestazioni” è affrontata la tematica della misurazione della performance nelle piccole e medie imprese. Gli autori fanno un excursus della letteratura sull’argomento, mettendo in luce i fattori contingenti che influenzano la misurazione della performance nelle PMI, quali sono i modelli proposti a livello internazionale. Quindi mettono a confronto tali modelli utilizzando 10 dimensioni di analisi, dimostrando come la Balanced Scorecard sia quello che maggiormente soddisfa i criteri presi in considerazione.

Nella seconda parte del libro, composta dai restanti tre capitoli, gli autori illustrano tre business case relativi a tre realtà aziendali venete dove sono stati realizzati cruscotti direzionali basati sulla Balanced Scorecard. Le tre aziende in questione sono: Valbona (capitolo 5), azienda con circa 100 dipendenti nel settore delle conserve vegetali, Home Cucine (capitolo 6), azienda che produce e commercializza cucine componibili, e Uniflair (capitolo 7), realtà che opera nel settore della pavimentazione modulare sopraelevata ed in quello del condizionamento.

L’esposizione chiara, lo sviluppo degli argomenti, la scelta dei casi aziendali, ne fanno un volume consigliato a tutti coloro che hanno a cuore la tematica della misurazione della performance in aziende medio piccole.

Per l’acquisto: mcgraw-hill.it