Gli obiettivi rappresentano le priorità strategiche che l’organizzazione si dà nell’ottica di migliorare la propria performance. Possono essere visti anche come le criticità sulle quali l’organizzazione focalizza l’attenzione ed attua specifiche azioni per il miglioramento della propria performance. Possiamo dire che sono i fattori critici di successo sui quali punta l’organizzazione per raggiungere i risultati economico-finanziari desiderati. Gli indicatori sono le misure che l’organizzazione sceglie per rilevare i progressi fatti nel perseguimento degli obiettivi. Le misure sono collegate agli obiettivi e sono selezionate sulla base degli obiettivi che l’organizzazione si è data. Ad esempio, se l’obiettivo è facilitare l’accesso agli edifici dell’organizzazione da parte delle persone disabili, una misura potrebbe essere il numero di edifici dotati di rampe di accesso per persone con disabilità motoria sul totale numero degli edifici dell’organizzazione. Alcune volte gli obiettivi sono espressi in modo sintetico e comprendono anche la misura che si utilizza per monitorarli ed il target di riferimento, cioè il livello di performance desiderato per considerare un obiettivo raggiunto. Ad esempio rientrano nel comune parlare aziendale frasi del tipo “il nostro obiettivo è di aumentare il fatturato di un 5%”. In effetti l’obiettivo è “incrementare il fatturato”, la misura è “il fatturato”, il target da raggiungere è ” il 5% in più rispetto all’anno precedente”. Per motivi di chiarezza di impostazione sarebbe opportuno evitare queste sistesi in fase di elaborazione della BSC e tenere ben separati obiettivi, indicatori e target.