Quando si valuta la performance è necessario sapere se, nella dimensione di performance misurata da uno specifico indicatore, il valore conseguito, confrontato con il target desiderato, rispecchia una performance più o meno buona rispetto all’obiettivo che si sta perseguendo. Se ad un aumento del valore conseguito corrisponde una performance migliore rispetto all’obiettivo che si sta perseguendo,allora l’indicatore ha polarità positiva. Se ad un aumento del valore conseguito corrisponde una performance più scadente rispetto all’obiettivo che si sta perseguendo, allora la polarità dell’indicatore è negativa.

Obiettivo
Indicatore
Polarità
Razionale
Incrementare i ricavi
Fatturato
Positiva
Più aumenta il fatturato, più di incrementano i ricavi
Migliorare la qualità del prodotto
N. pezzi difettosi/N. pezzi prodotti in %
Negativa
Più aumenta la % dei pezzi difettosi meno migliora la qualità del prodotto

Sembra un’operazione banale attribuire una polarità all’indicatore rispetto all’obiettivo che si sta misurando, ma, come fa notare Paul Niven, ci sono casi in cui questo meccanismo non è di facile applicazione.
Ad esempio supponiamo che l’obiettivo sia migliorare il servizio di assistenza sociale e l’indicatore sia n. di casi in carico per operatore. Da un lato, più si aumenta il numero di casi più si estende il servizio altri utenti e più si aumenta l’efficienza, dall’altro, più si aumenta il numero di casi e più diminuisce il tempo operatore per singolo caso, con il rischio di diminuire la qualità per assistito. In questo ed in casi simili, è necessario riflettere sulle dinamiche e soprattutto avere chiaro ciò che effettivamente si desidera ottenere.